Prime Video Gratis!

Prime Video Gratis!
Prova ora la nuova frontiera del video

RESURREZIONE. LA CITTÀ CHE RESISTE




 




Nonostante il cupo spettacolo di una intera Città portata alla distruzione dall'amministrazione più incompetente e pasticciona (e speriamo sia solo questo) di sempre.

Nonostante abbiano spianato piazze e leggi, diritti e cittadini, ucciso la storia e umiliato la volontà collettiva - e questo deserto puzzolente lo chiamino "politica", o addirittura "democrazia" - una parola che dovrebbe essere proibita in certe bocche.

Nonostante le Istituzioni usate come arma per intimidire e ricattare e perseguire fini personali o di partito.

Nonostante un sindaco capitato lì per caso, alla scusa di Cristo, che non si è ancora neanche reso conto del miracolo che lo ha portato lì, dell'occasione storica che aveva - ma che si è invece subito appassionato alla poltrona e che ha sprecato tutto stolidamente riducendo una grande vittoria civile a una squallida questione di bottega.

Un sindaco che, con tutta la sua band, farà bene a non ricandidarsi e a farsi dimenticare il più rapidamente possibile, salvo magari dalla Magistratura.

Nonostante i 120 avvisi di garanzia, i 30 milioni di debito, gli sprechi continuati e aggravati, la disoccupazione dilagante, l'assoluta insipienza dei servizi sociali, l'ottusità clientelare e le ripetute lavate di testa dagli organi competenti (leggi Revisori dei Conti).

Nonostante il disastro di Piazza Dante e l'ostinata pianificazione dello stupro in Piazza Matteotti.

Nonostante il ripetuto, recidivo e conclamato festival dell'illegittimità, dalle registrazioni clandestine alle Commissioni fantasma che bocciano referendum prima ancora di esistere - lo stupro delle leggi, della democrazia, dei più elementari diritti costituzionali. Più di mille firme oltraggiate dalla loro imperdonabile inanità.

Nonostante l'aria mesta di naufragio e l'equipaggio irresponsabile che indebita tutti per dare feste sul ponte e distrarre l'attenzione dall'abisso.

Nonostante tutto, Ruvo c'è.

C'è una Città che resiste. Che non si piega. Che si organizza per lottare e tornare a vivere. Tornare se stessa.

Così a un semplice cenno di passaparola una trentina di cittadini di ogni età, provenienza e competenza, si sono riuniti ieri sera nello studio di un noto professionista, alla ricerca di una via per fermare il disastro.

Giovani e meno giovani. Imprenditori e cittadini. Professionisti e intellettuali. Tecnici e politici.

Parola d'ordine: non mollare. Non rassegnarsi al disastro. E trovare insieme una via di resurrezione.

Troppo presto per dire se ne nascerà qualosa. Anche se l'inizio è clamoroso.

L'obiettivo? Recuperare lo spirito del 2011. Quando Ruvo era in anticipo sui tempi e i cittadini hanno abbattuto gli steccati clientelari di partito per chiedere DISCONTINUITÀ con il passato, CAMBIAMENTO vero.

Questa vergognosa amministrazione ci ha invece precipitati nel peggio che mai. E da avanguardia che era, la Città è nuovamente costretta a inseguire.

Ma lo spirito è indomo. Indomabile. Irriducibile. Gli obbiettivi restano immutati.

DISCONTINUITÀ. CAMBIAMENTO. A cui bisogna oggi aggiungere (e gridare) DEMOCRAZIA. E finalmente, RESURREZIONE.

Sarà lunga. Sarà dura. Ma intanto è bello sapere che c'è chi non si limita ad ascoltare l'orchestrina del Titanic. Che percepisce il naufragio imminente. E che lavora per scongiurarlo, anche se chi è al comando fa di tutto per centrare gli scogli.

E tu?

Insieme possiamo fare meglio. Trasformare le speranze in realtà. Entra in azione per il cambiamento.

Scrivi a RuvoLibera e prenotati per il prossimo incontro.

[email protected]
Il cambiamento riparte da te.




Ruvo Libera

Io, Medico