Leggi tutti i post

Leggi tutti i post
Entra nel Cuore dell'informazione libera

martedì 13 settembre 2016

PERCHE' IL SUD NON SI RENDE INDIPENDENTE?


Ancora cento anni dopo Salvemini, la domanda rimane di immutata attualità.
L'immagine può contenere: 1 persona
SALVEMINI: PERCHÉ IL SUD
NON SI RENDE INDIPENDENTE?
Gaetano Salvemini non mise mai pubblicamente in discussione l'unità d'Italia, ma giunse a farlo in privato:
"Ogni giorno che passa diventa sempre più vivo in me il dubbio, se non sia il caso di solennizzare il cinquantennio [dell'Unità] lanciando nel Mezzogiorno la formula della separazione politica. A che scopo continuare con questa unità in cui siamo destinati a funzionare da colonia d'America per le industrie del Nord, e a fornire collegi elettorali ai Chiaroviglio del Nord[...] 
Perché non facciamo due stati distinti? 
Una buona barriera doganale al Tronto e al Garigliano. Voi vi consumate le vostre cotonate sul luogo. Noi vendiamo i nostri prodotti agricoli agli inglesi, e comperiamo i loro prodotti industriali a metà prezzo. In cinquant'anni, abbandonati a noi diventiamo un altro popolo. 
E se non siamo capaci di governarci da noi, ci daremo in colonia agli inglesi, i quali è sperabile ci amministrino almeno come amministrano l'Egitto, e certo ci tratteranno meglio che non ci abbiano trattato nei cinquant'anni passati i partiti conservatori, che non si dispongano a trattarci nei prossimi cinquant'anni i cosiddetti democratici".
Lettera di Salvemini ad A.Schiavi, Pisa 16 marzo 1911 e contenuta in Salvatore Lucchese, "Federalismo, socialismo e questione meridionale in Gaetano Salvemini", ed. Lacaita







Condividi