Quella Ruvo Antica Così Nuova. E Ancora da Scoprire

Non Prendete Impegni. Torna la Grande Storia






Dov'eravamo rimasti? Ah già. La Storia. Questa sconosciuta...

Qualche mese fa abbiamo iniziato a raccontare l'incredibile storia dell'assedio e della distruzione di Ruvo Il 23 febbraio 1503.

Poi i noti eventi - ammettiamolo - ci hanno un po' distratto. Perché la Storia non sta mai ferma, neanche per farsi raccontare. Ora riprendiamo quel vitale discorso. Niente di meglio per difendersi dal solleone... :P

Il 23 febbraio. Solo dieci giorni dopo la "Disfida" di Barletta.

Che ci sia un nesso? 

Di sicuro c'è un mistero così "incredibile", così fitto e perverso da durare 5 secoli.

E chissà quanto ancora sarebbe durato - se solo...

Un vero assassinio collettivo. Un Città distrutta. Un genocidio apparentemente senza colpevoli. E migliaia di innocenti sopravvissuti venduti dietro riscatto o ridotti in schiavitù a remare sulle galere spagnole.

E allora? Come risolviamo il mistero, 5 secoli dopo, quando chiunque abbia visto il tenente Colombo sa che le tracce scompaiono col passare dei giorni, a volte delle ore?

Questo weekend non prendete impegni.

Torna la Grande Storia su RuvoLibera. Ed è solo l'inizio.

Intanto, se ve la siete persa o la memoria si è appannata, rileggetevi la prima parte.

(In collaborazione con RuvoStoria, VieDiFuga e Fondazione Ruvo Terzo Millennio).