Quella Ruvo Antica Così Nuova. E Ancora da Scoprire

LE PALLE IN PIAZZA










Un'altra acuta "provocazione" di Vittorio Lorusso.

Una class action per mettere sotto accusa almeno l'azione più nefasta, distruttiva e antidemocratica della vecchia amministrazione (che andrebbe peraltro mandata sott'inchiesta globalmente, maggioranza e finta opposizione, per tutto il suo tragico disastroso "operato" non a caso censurato più volte tra gli altri da Corte e Revisori dei Conti).

Parafrasando El Alamein, dove "mancò la fortuna, non il valore" si potrebbe dire che nella El Alamein della nostra Piazza e della nostra democrazia, mancarono entrambi, salvo che per pochi - e quei pochi solo nella Società civile, tutti fuori da istituzioni e partiti inconcludenti e autoreferenziali, o peggio.

E quando 1200 firme gridarono il loro sdegno e il loro diritto a partecipare, ai mercanti nel tempio bastò far finta di non sentire, e proseguire con la stessa ottusa ignorante arroganza di sempre.

Sarà oggi la volta buona? Noi lo speriamo e raccogliamo l'appello per parte nostra. 

Idee e palle possiamo fornirne in abbondanza, come tutti sanno. Il problema è dove sono i Cittadini. 

A giudicare dalle ultime elezioni, dovevano essere piuttosto distratti, per così dire. 

Oppure non liberi, visto che hanno confermato al ballottaggio  entrambi gli schieramenti autori e firmatari del disastro (fatta salva la buona fede di chi si è messo a disposizione per la solita utopia del rinnovamento dall'interno: l'unica, devastante, utopia che non si rimproveri mai a nessuno, chissà perché...).

E sarà importante capire dove sono oggi le istituzioni - quelle che dovrebbero fare l'interesse comune ed avere prima di ogni altro l'obiettivo della trasparenza e della legalità. Anche pegresse, nella misura in cui inevitabilmente il pregresso determina il presente.

Le novità nella nuova amministrazione non sono certo rivoluzionarie; ma senza dubbio sono rilevanti. Potenzialmente decisive, addirittura, nella figura del sindaco.

Avranno la forza e la lucidità di schierarsi per il meglio nominando una Commissione d'inchiesta sulla Piazza, oltre che sul Debito e tutto il resto del precipizio in cui ci hanno cacciati nei 25 anni terribili attiliani e negli ultimi 5 disastrosi dei suoi ex discepoli sindaco e vicesindaco licenziati?

Lo speriamo - senza farci illusioni.

Perché illudersi di ripartire senza fare i conti col passato è come voler fare pulizia buttando la polvere sotto il tappeto. Tutti sanno come va a finire.

Ma - sia chiaro - se il vento è cambiato e si è diffusa l'esigenza di legalità, trasparenza e democrazia - qualunque sia lo sforzo per mandare i responsabili a rispondere davanti ai giudici, noi ci siamo. Come sempre.