Parcheggi. Ritirare quella Delibera Illegittima

LA SICUREZZA SVENDUTA

Che cosa fai quando una linea non è a norma, non rispetta la legislazione italiana né quella europea, e quindi non puoi gestirla e farci spreco di soldi pubblici e clientelismo? 

Semplice. La affidi a “privati”. Privati all’italiana, si capisce. Utili privati, perdite pubbliche. Fino a che…

DAL FATTO QUOTIDIANO

La doppia normativa sulla sicurezza delle ferrovie
Con Rfi la Corato-Andria non sarebbe percorribile

Due diverse agenzie dispongono le norme per la rete utilizzata da Trenitalia e per quelle in concessione

corato2-pp

L’Italia viaggia a due velocità sotto il profilo degli standard di sicurezza.

Una, al passo con la normativa europea, è quella dei treni che si muovono sulla rete Rfi (su cui viaggiano i convogli Trenitalia e non solo) che risponde ai protocolli Ansf.

L’altra (Ustif) è quella dei vagoni che girano su una rete di circa 3000 chilometri gestita da ferrovie, pubbliche e private, che lavorano in concessione.

Ad esempio, sulla rete Rfi non esistono “blocchi telefonici” neppure nei tratti di cantiere e non si può viaggiare senza sistema elettronico di controllo della marcia treno. Il tratto tra Corato e Andria non sarebbe quindi stato percorribile, o solo con stringenti precauzioni

di Andrea Tundo

Leggi tutto su IlFattoQuotidiano.it

Il fatto quotidiano

•BINARIO UNICO E IL SISTEMA DI CONTROLLO OBSOLETO •”RADDOPPIO LINEA ENTRO GIUGNO 2015″. MA I LAVORI FINANZIATI DALLA UE NON SONO MAI PARTITI
•IL 15ENNE, LA FUTURA SPOSA, IL VICEQUESTORE, IL CONTADINO: ECCO LE STORIE DELLE VITTIME