Parcheggi. Ritirare quella Delibera Illegittima

IL NOME DEL BALCONE






Il balcone probabilmente più simbolico e "importante" di Ruvo, il gioiello della Torre Normanna, sta per avere un nome.

E anche, virtualmente, il cortile interno di quel che rimane dell'antico Castello - che si vorrebbe anno dopo anno dotare di piante, ciascuna col nome di una romanza, tale da farne il Giardino delle Romanze.

Accadrà il prossimo 1° agosto (vedi programma in foto qui sotto oppure l'evento Facebook).

Il progetto è portato avanti dalla Fondazione Angelo Cesareo e spiegato da Nicola Cesareo, il suo presidente, in occasione del primo anniversario della scomparsa della madre ("donna di cultura popolare e autodidatta ma di straordinaria intelligenza, ironia e amore per la Bellezza), pochi mesi dopo la scomparsa dell'adorato nipote ("ma io lo chiamo figlio") Angelo.


Foto Ruvolandia.it
Certo, la vita va avanti. Tutti hanno una croce nel cuore e la realtà non si stanca di fornirne altre, come Antonio, salito senza saperlo sull'ultimo treno poche settimane fa. Un altro Angelo

Certo che "non siamo gli unici a soffrire", ma "ognuno ha una sua misura", ribadisce con la doppia pignoleria del docente e del filosofo il prof. Cesareo.

Una misura fatta di tanti fattori, di tempo, di circostanze, di sensibilità - ciò che fa sì che pur nel comune destino, un dolore non sia del tutto uguale a un altro.

In ogni caso, "il nostro dolore è privato e tale resterà. Vogliamo però che da questo dolore privato nasca una nuova fruizione pubblica. Una dimensione civile di Bellezza e partecipazione."

Con questo spirito il primo agosto prossimo il Balcone e l'atrio del Castello saranno interessati da questa doppia kermesse insieme delicata e ambiziosa, con eccellenze locali e nomi di richiamo nazionale.

Della donna che tanto li ha amati, il balcone avrà il nome, l'atrio la sua fiorita melodia. 

Così il dolore si fa seme e cerca il suo germoglio. 


Melodia di una Rondine
Il programma dell'evento