La Fondazione dello Spazio Urbano

RuvoAmara - uno tsunami di ignoranza ci seppellirà tutti. Oppure Liberi

#SalviamoRuvo #RuvoMeritaDiMeglio



Da Wikipedia ho scaricato il seguente riassunto del romanzo Fontamara di Ignazio Silone, se riuscite leggete il libro e sopratutto:
Studiamo, o uno tsunami di ignoranza ci seppellirà tutti.


Dal 1º giugno 1929 nel paese di Fontamara (nella Marsica, vicino ad Avezzano) non arriva più l'elettricità. Sperando di rimediare a questa “fatalità” ogni contadino analfabeta firma una misteriosa “carta bianca”, portata da un graduato della milizia (il cav. Pelino), la quale si scoprirà essere in realtà l'autorizzazione a togliere l'acqua per l'irrigazione per indirizzarla verso i possedimenti dell'Impresario, un imprenditore legato al regime che ha ottenuto la carica di podestà.
Scoperto l'imbroglio, le donne fontamaresi si recano a casa dell'Impresario per tentare di convincerlo a ridar loro l'acqua indispensabile per i loro campi. L'avvocato Don Circostanza si offre come mediatore di un accordo che stabilisce che «tre quarti scorrano nel nuovo letto del fiume, mentre i tre quarti del rimanente nel vecchio, cosicché ognuno abbia tre quarti»; più avanti, di fronte alla pretesa dell'Impresario di aver in usufrutto l'acqua per 50 anni, l'avvocato suggerisce di «ridurre il termine a soli 10 lustri»!
Il paese è oggetto di una violenta incursione delle squadracce fasciste, inviate a Fontamara per segnalazione del cavalier Pelino. Berardo Viola, l'uomo più forte e robusto del paese, tenta di trovare maggior fortuna fuori dal paese. Purtroppo gli viene negato il lavoro perché, in quanto fontamarese, è considerato un rivoluzionario. Muore intanto Elvira, la sua amata. 
Di ritorno a Fontamara, alla stazione di Roma, incontra un partigiano (l'Avezzanese), già conosciuto in Abruzzo. I due vengono arrestati per un equivoco e nel periodo in cui sono costretti alla convivenza in cella, Berardo sviluppa una notevole maturazione politica. Questo suo nuovo impegno morale lo porta ad autoaccusarsi di essere il “Solito Sconosciuto”, ossia un sostenitore attivo della resistenza. 
Torturato, Berardi subisce un'atroce morte, che sarà fatta passare per suicidio. I fontamaresi fondano il “Che fare?”, un giornale in cui denunciano i soprusi subiti e l'ingiusta morte del loro compaesano. Il regime fascista punisce tutti i fontamaresi mandando una squadra della Milizia che fa strage di abitanti.
Alcuni fontamaresi si salvano e tra loro i tre narratori della storia.
Caldamente consigliato ad alcuni candidati sindaco e tantissimi candidati consiglieri.

Oppure Liberi