IL NUOVO SINDACO. UNA GRIGLIA PER LA RINASCITA DELLA CITTÀ

#SalviamoRuvo

L'opinione



Si riunisce stasera Uniti per Ruvo, la Coalizione di rinnovamento nata intorno a Ruvo in Movimento, ma già in cammino verso una propria identità autonoma - come dimostrano il ricco e articolato comunicato di ieri e la richiesta di incontro al sindaco.

I primi passi sono quelli giusti. Portavoce autorevole, comunicato forte, programmazione manifestazioni pubbliche, approfondimenti mirati sulla Tari e tanto altro.

Ma gli ostacoli, per una coalizione così fresca, sono tanti; e i nemici probabilmente ancora di più, e tanto più irrequieti e traffichini, quanto più temono di essere mandati a casa in primavera.

Quello di oggi è un altro banco di prova per la neonata Coalizione, che deciderà sull'approvazione della Griglia del Candidato, una sorta di ambizioso Manifesto per la scelta del Candidato sindaco (e in subordine per gli altri candidati).

L'accettazione renderà il documento vincolante anche per chi dovesse aderire alla Coalizione in un secondo momento, garantendo così stabilità e coerenza.

Una Griglia che è stata ed è lo scheletro fondativo di Ruvo in Movimento, insieme ai valori enunciati e sottoscritti nel Documento fondativo - che ha già aggregato forze così diverse e che oggi si avvia a diventare pilastro comune del cambiamento.

Una Griglia ambiziosa, flessibile ma non sbrodolabile, aperta senza essere spalancata, orientata al merito e chiusa ad ogni tentativo di riciclaggio dei soliti noti.

Un gran bel documento. Ma un documento impegnativo. Più un fidanzamento che un banale invito a cena.

Se la Coalizione l'adotterà, come si prevede, si doterà precisamente di quello scheletro che più di ogni altra cosa può renderla un corpo solido e coeso, a prova di tensioni e di intromissioni.

Se non lo farà, si rischierà di lasciare la porta aperta ad ogni tipo di equivoco, pressione, insinuazione e machiavellismo da parte dei soliti noti.

Insomma una prova di verità e di coerenza per tutti: un parametro essenziale per dividere le alleanze strategiche e di lungo periodo dai tatticismi di corto respiro.

La previsione è positiva ma non scontata. L'augurio è che ci sia consenso unanime e generalizzato su un documento che è la leva di Archimede del Rinnovamento. La medicina democratica di cui la Città stremata ha bisogno. Non la solita supposta...

E che in quanto tale potrà essere discusso ma non stravolto, senza perdere la sua identità e la sua efficacia terapeutica.

E siccome le cose procedono per il meglio se tutti migliorano, che la Coalizione rimanga unita e coesa non è solo un bene per la Coalizione. Lo è forse soprattutto per la Città, perché costringerà gli altri a migliorarsi per poter competere.

Facciamogli dunque i migliori auguri.

Intanto il Lettore legga, se vuole, la Griglia, e dica magari nei commenti quel che ne pensa.

Sarà quasi come essere lì da protagonisti. Ma la prossima volta, magari, siateci davvero. :-)