NAPOLEONE ALLE COMICHE


RUVO COLPITA E AFFONDATA. MISSIONE COMPIUTA PER IL SINDACO OTTOMBRINI





Approvato l'ultimo bilancio così chiaramente farlocco e truccato ("artefatto" lo chiama elegantemente Rifondazione) che inevitabilmente attirerà l'attenzione della Corte dei Conti e sarà la volta buona che qualcuno pagherà.


E come avevamo preannunciato mesi fa, scatta la seconda fase.

Con assoluto sprezzo del ridicolo, Ottombrini azzera gli assessori e dichiara:
"Accentro tutte le deleghe assessoriali per rilanciare la politica ruvese”.

Napoleone alle comiche. Se non fosse una tragedia per noi.

Una mossa che non ha alcun senso né alcuna logica, se non appunto quella di pagare qualche cambiale per rimanere in sella fino a che la Città non stramazzi.

Se solo fossero altrettanto bravi a pagare le cambiali del Comune, che tra l'altro proprio loro hanno provocato, e trovano ben più comodo mettere a carico nostro...

Ma salutiamo questo brivido di consapevolezza che ha improvvisamente percorso lo stagionatissimo Sindaco: più di trent'anni a far danni a spese nostre.

In pratica ha riconosciuto che in questi 4 anni e mezzo hanno fatto schifo.

Si ripropone pertanto in questi 6 mesi di rifarsi una verginità con facce nuove per fare molto di più. Schifo.

E ne ha tutte le capacità.

E come tutti quelli negati per la leadership, scarica le colpe sui subalterni e salva solo il suo sedere.

Vedremo chi sceglie come complici ultimi dell'assassinio della Città.

Ma già da ora si può affermare senza tema di smentita che i 5 derelitti che subentreranno meriteranno da subito il titolo di pirla del quinquennio.

Si prenderanno le torte in faccia senza neanche averne mangiata una fetta.

Ma si sa: come dice il proverbio: dove c'è gusto...

Intanto ci aspetta l'ultima onta come Città. 

La mossa della disperazione.

La vecchia topolona, la zoccola navigata (per usare un eufemismo altrettanto raffinato dell'ellissi usata dal sindaco verso i suoi collaboratori) che dopo una vita di battaglie si fa attaccare un'imene finta alla vigilia del matrimonio. 

Epperò sarà curioso vedere chi sono questi cinque eroi del pà.

Queste cinque vittime designate che accettano, come in quel gioco popolare, di ricoprire il posto normalmente riservato ai più citrulli: mettersi sotto e indovinare da dove arrivano le botte. Senza sapere che il gioco è truccato (pure lui...) e fatto in modo che non possano indovinare mai.

Nella tragedia che ci hanno scientificamente preparato, almeno avremo da ridere.