Il Dio Di Passaggio

Avevamo ricevuto diversi allarmi, richieste di intervento, imprecazioni, inviti a chiamare la Sovrintendenza… sulla strana “cosa” in costruzione davanti alla facciata senza pace di palazzo Jatta.
Abbiamo mantenuto la calma e alla fine la verità, che sa sempre dove andare, come sempre è venuta a trovarci.
È lo stesso autore dell’opera, il giovane Massimiliano Di Gioia, a parlarcene.
Si tratta di una installazione, il Dio Stupore. Un’opera d’arte che starà lì un mese, “se i vandali non me la buttano giù prima”.
Quindi possiamo stare tutti tranquilli.
Si tratta di un dio di passaggio
Mentre resta che un giovane talento ruvese ha avuto la possibilità di esprimersi anche in patria dopo averlo fatto con successo fuori.
Speriamo diventi una regola. Che il dio delle opportunità passi più spesso e magari si fermi un po’.

LO STUPRO È COMPIUTO

Portato a termine lo stupro di Storia, Bellezza, Cultura, memoria, identità.

E portato a termine lo scempio di democrazia ai danni di 26mila Cittadini RUVESI messi a tacere, favorevoli o contrari che fossero.

I barbari a Palazzo Avitaia hanno vinto, portando a termine il loro criminale progetto premeditato e intenzionale.

Ora spetta ai Cittadini riappropriarsi della propria voce e non lasciare questo crimine impunito.

Facebook intanto non perdona - e qualcuno incita alla rivolta popolare.

I Cittadini andranno a buttar giù nella vergogna e nel disonore eterno che meritano quest'amministrazione strapuzzolente e la marcissima sedicente collusa opposizione, o il redde rationem è spostato al 2016?

Intanto una delle Piazze più belle e ricche di Storia del mondo è ridotta così. Come la loro dignità, se un tempo ne hanno avuta eventualmente una.