Il Dio Di Passaggio

Avevamo ricevuto diversi allarmi, richieste di intervento, imprecazioni, inviti a chiamare la Sovrintendenza… sulla strana “cosa” in costruzione davanti alla facciata senza pace di palazzo Jatta.
Abbiamo mantenuto la calma e alla fine la verità, che sa sempre dove andare, come sempre è venuta a trovarci.
È lo stesso autore dell’opera, il giovane Massimiliano Di Gioia, a parlarcene.
Si tratta di una installazione, il Dio Stupore. Un’opera d’arte che starà lì un mese, “se i vandali non me la buttano giù prima”.
Quindi possiamo stare tutti tranquilli.
Si tratta di un dio di passaggio
Mentre resta che un giovane talento ruvese ha avuto la possibilità di esprimersi anche in patria dopo averlo fatto con successo fuori.
Speriamo diventi una regola. Che il dio delle opportunità passi più spesso e magari si fermi un po’.

LA CITTÀ AL BUIO. "LORO" NO

#SalviamoRuvo

Via Garibaldi al buio, come le traverse, come via Silvio Spaventa. Come via Dell'Aquila. Come Via Bellini. da giorni. E quale altra?
L'importante è lo scempio. Il resto mancia.
Il buio è la loro casa. Ma sta intorno alle case dei ruvesi. 

E qual è la finestra che invece è sempre accesa, tutte le sere? Ovviamente quella del sindaco.

La foto è di due giorni fa: ci siamo detti vabbè, starà scrivendo la sua lettera di dimissioni.

Ma oggi era uguale. 

E allora che diavolo ci fa lì alle 20.30 un sindaco dimissionario, che dovrebbe limitarsi all'ordinaria amministrazione? Quale altro ciambotto sta combinando?

Così come illuminato è il circo dei lavori nella piazza stuprata. Come è illuminata la Città... di giorno.

Che importano i Cittadini?