Il Dio Di Passaggio

Avevamo ricevuto diversi allarmi, richieste di intervento, imprecazioni, inviti a chiamare la Sovrintendenza… sulla strana “cosa” in costruzione davanti alla facciata senza pace di palazzo Jatta.
Abbiamo mantenuto la calma e alla fine la verità, che sa sempre dove andare, come sempre è venuta a trovarci.
È lo stesso autore dell’opera, il giovane Massimiliano Di Gioia, a parlarcene.
Si tratta di una installazione, il Dio Stupore. Un’opera d’arte che starà lì un mese, “se i vandali non me la buttano giù prima”.
Quindi possiamo stare tutti tranquilli.
Si tratta di un dio di passaggio
Mentre resta che un giovane talento ruvese ha avuto la possibilità di esprimersi anche in patria dopo averlo fatto con successo fuori.
Speriamo diventi una regola. Che il dio delle opportunità passi più spesso e magari si fermi un po’.

IO NON CHIUDO


CHIUDO? COL CAVOLO.



Ai cittadini ruvesi

Dopo l'articolo scritto su Ruvo Libera, indirizzato al Sindaco e all'assessore competente in quanto primi responsabili del languire del turismo ruvese, sono stata sommersa di messaggi di solidarietà e incitamenti a non mollare da parte dei più disparati cittadini.

In realtà volevo rassicurare tutti che non sono in procinto di CHIUSURA.


Io NON mollo.


Ho scritto perché qualcuno lo deve dire, perché bisogna rimboccarsi le maniche e fare qualcosa...

Ruvo è spenta, le strade storiche sono spente, i corsi sono spenti, non si vedono altro che cartelli di AFFITTASI e porte chiuse, credo che tutto questo mortifichi chi ama il proprio paese.

Vederselo decadere giorno dopo giorno è un disgusto!


Se avessero fatto tutti così, se avessimo denunciato sempre anziché chinare la testa, non saremmo arrivati a questo punto, invece parliamo alle spalle... preferiamo uscire fuori paese... dandoci la zappa sui piedi!

NON CHIUDO. NESSUNO DOVREBBE MAI CHIUDERE.


Antonietta Pellegrini