La Fondazione dello Spazio Urbano

IL CEDRO NON TORNA A SCUOLA


Abbattuto albero monumentale trentennale, alto 20 metri.
Il punto di rescissione del tronco.


L'albero fino a ieri.
Nel 2011 su Google Street View

Sotto la neve. Foto scattata dal V piano.

Gli alunni, le alunne, i docenti, il personale, i genitori che domani (oggi per chi legge, ndr) torneranno al Liceo Tedone per l'inizio del nuovo anno scolastico, non lo vedranno più, quel magnifico cedro di venti metri, e più di trent'anni.

Né lo vedranno più i residenti o i tanti in transito in quel punto trafficato.

E chissà se lo ricorderanno più - salvo forse i più sensibili, i più amanti della natura.

Il cedro è stato abbattuto stamattina (ieri per chi legge), inopinatamente, tra gli sguardi dei vicini increduli.

Un albero monumentale che doveva essere protetto dalla legge - almeno, se in Italia e in questa sventurata Città le leggi proteggessero qualcosa.

Ce l'hanno segnalato via Facebook. Con tanto di commossa galleria fotografica. 

Chissà se chi di dovere sarà all'altezza di una risposta convincente. Almeno una volta.

Ma la perdita è irreparabile. Un maestoso fornitore d'ombra gratuita e albero di rara bellezza, che arrivava al sesto piano, da oggi non c'è più.

Evviva l'ambiente...


Da Facebook: Sep 9th, 7:28pm

Ciao RuvoLibera,

qualcuno ha tagliato oggi di sua spontanea volontà un cedro del Libano di una trentina di anni e di una ventina di metri sito su estram. Scarlatti, altezza via Alessandro Volta.

Era di fronte alla macchina nera di sinistra nella prima foto

Si vede il tronco

Dai balconi si è visto tutto e qualcuno del condominio di via *** n. *** seguiva e coordinava i lavori di taglio.

Era nell'area recintata che non appartiene al civico ***, ma di cui 1-2 persone del civico *** sono stati artefici.

Certa gente si alza la mattina e decide di tagliare senza motivo. L'albero arrivava al sesto piano di altezza

L'albero aveva oltre 30 anni


*** Gli asterischi sono nostri per ragioni di privacy. Nel testo comunicato i dati sono presenti e quindi a disposizione eventualmente delle autorità.
Per gli stessi motivi non pubblichiamo il nome del cittadino che ha segnalato, nonostante il suo tranquillo consenso. RL