Il Dio Di Passaggio

Avevamo ricevuto diversi allarmi, richieste di intervento, imprecazioni, inviti a chiamare la Sovrintendenza… sulla strana “cosa” in costruzione davanti alla facciata senza pace di palazzo Jatta.
Abbiamo mantenuto la calma e alla fine la verità, che sa sempre dove andare, come sempre è venuta a trovarci.
È lo stesso autore dell’opera, il giovane Massimiliano Di Gioia, a parlarcene.
Si tratta di una installazione, il Dio Stupore. Un’opera d’arte che starà lì un mese, “se i vandali non me la buttano giù prima”.
Quindi possiamo stare tutti tranquilli.
Si tratta di un dio di passaggio
Mentre resta che un giovane talento ruvese ha avuto la possibilità di esprimersi anche in patria dopo averlo fatto con successo fuori.
Speriamo diventi una regola. Che il dio delle opportunità passi più spesso e magari si fermi un po’.

I TIRATI DENTRO E I TENUTI FUORI


Dal Mose alla Rotonda...

Così parlò l'inchiesta Mose


"Maltauro aveva fatto ricorso contro di noi sulla Valsugana, e so che era anche in crisi per questo. (...) Alla fine Maltauro ritirò il ricorso e si misero d'accordo Mantovani e Maltauro. 
In realtà i ricorsi servivano proprio a questo: un concorrente li fa per costringerti poi a tirarlo dentro. Funziona quasi sempre".

Ma guarda. Proprio ciò che qualche voce amica ci aveva raccontato anche sugli appalti nostrani - come prassi consolidata, s'intende, non come fatto specifico.

E perché mai ci sarà venuta voglia di associarla alla Rotonda? Chissà... ;)

Che abbia fatto ricorso l'azienda romana seconda arrivata?

Impossibile saperlo dal Palazzo-delle-Nebbie Avitaia, ove tutto tace come sempre.

Fatto sta che il 15-20 luglio è passato da un pezzo e contratti definitivi non se ne vedono.

Se facessero la follia di firmarlo - il che crediamo fermamente che sarebbe interessante anche (non solo) per la Corte dei Conti - sarebbe un contratto da ricovero immediato, visto che è impossibile rispettare e conciliare le scadenze prefissate del 30 novembre e dei 150 giorni - visto che 150 giorni ormai NON ci sono neanche fino alla fine dell'anno.

Vedremo dove arriverà la follia, o se ha già trovato un argine.


Nel frattempo abbiamo capito che il gioco è a "tirare dentro", o a tirarsi dentro.



L'importante è tener fuori i Cittadini.