RADIO AVITAIA


Notizie ad alta inattendibilità. Ma a volte, si sa, c'è la magagna... D'altra parte, chi era più che diceva che "a malignare si fa peccato, ma spesso si indovina"?



L'inventario dei beni disponibili per la vendita...;)


Fanno tutto in gran segreto come i fratelli Caponi, o la banda dei Soliti Noti (no, non i musicisti).

Poi però chiacchierano e vociferano e spettegolano e litigano, fanno rivelazioni agli amici per farsi grandi, e così le cose le sanno anche i sassi.

Ecco le ultime trasmissioni di Radio Avitaia, la radio-non-radio ad alta inattendibilità, e perciò ad alta probabilità di azzeccarla.

Il Sindaco, Disastro-Ottombrini, e tutta la banda sono andati in pellegrinaggio da Emiliano. Come quegli scolaretti che si cacciano nei guai e poi si appellano al maestro quando ormai le hanno già prese.

Esito dell'incontro? Immaginabile. Cavatevela da soli che siete grandicelli. Ma nessun ostacolo a un piano di dismissioni.

Insomma, vogliono vendersi tutto il vendibile (nostro), e anche oltre, per sopravvivere ancora un mese o due prima di dichiarare fallimento. 

In pratica, svendere patrimonio pubblico, di noi tutti, a un tozzo di pane (i maligni aggiungono: agli amici) per fare cassa, sapendo già che non servirà.

O meglio servirà, ma a loro.

La risposta è nel bilancio preventivo,che doveva essere approvato entro marzo ma con varie proroghe (nazionali) è stato fatto slittare al 30 luglio.

Entro questa data devono approvarlo trovando un po' di contante oppure dichiarare fallimento. Se invece approvano il bilancio, quel fallimento dovranno dichiararlo poco dopo.

Che cambia per noi cittadini? Parecchio. Innanzitutto perché saremo rapinati di altra ricchezza, svenduta chissà come, a chissà chi. Per il solo frutto della loro incapacità

In secondo luogo perché se dichiarano dissesto DOPO aver approvato il Bilancio preventivo, tutta la banda potrà ricandidarsi nel 2016. Che è l'unica cosa che gli interessa, anche se la Città muore (per mano loro).

Uao. Si sentono già i boati di gioia...;) Tutti i cittadini contenti di pagare ancora per rivedere le solite facce... per mirare e subire le solite incapacità.

Chicca finale: la delega Cultura, Turismo ecc... lasciata libera da De Palo, andrebbe alla Montaruli.

Non si può sentire, dite? E tanto loro mica sentono.

E per non correre il rischio di sentire, hanno tappato la bocca a 26 mila Cittadini.

La bocca, però. Non la memoria. E il 2016 dovrà pur arrivare.

Da Radio Avitaia è tutto. Per ora.

Non fidatevi di quello che dicono. Ma soprattutto di ciò che non dicono...