Il Dio Di Passaggio

Avevamo ricevuto diversi allarmi, richieste di intervento, imprecazioni, inviti a chiamare la Sovrintendenza… sulla strana “cosa” in costruzione davanti alla facciata senza pace di palazzo Jatta.
Abbiamo mantenuto la calma e alla fine la verità, che sa sempre dove andare, come sempre è venuta a trovarci.
È lo stesso autore dell’opera, il giovane Massimiliano Di Gioia, a parlarcene.
Si tratta di una installazione, il Dio Stupore. Un’opera d’arte che starà lì un mese, “se i vandali non me la buttano giù prima”.
Quindi possiamo stare tutti tranquilli.
Si tratta di un dio di passaggio
Mentre resta che un giovane talento ruvese ha avuto la possibilità di esprimersi anche in patria dopo averlo fatto con successo fuori.
Speriamo diventi una regola. Che il dio delle opportunità passi più spesso e magari si fermi un po’.

SINDACO DI TUTTI? MA MI FACCIA IL PIACERE


Lo scempio di piazza e Democrazia ancora in primo piano. Interviene l'ing. Casciello, ex dirigente dell'Ufficio Tecnico, portatore di una sensibilità evidentemente sconosciuta agli attuali occupanti






AGORA': Una Piazza nel Centro Storico di una Città rappresenta uno spazio infinito di sentimenti,di passioni,di storie vissute di una intera comunità.

E' la rappresentazione fisica del desiderio di un popolo di tramandare le proprie abitudini e costumi.

NESSUNO PUO' AVERE L'AUTORITA' ED IL POTERE DI CANCELLARE LA STORIA DI UNA CITTA'. RICORDATEVELO!



Quello che è successo con il Referendum per Piazza Castello è la prova lampante della mancanza di Democrazia in una comunità.

La Città è del popolo.Pertanto qualsiasi innovazione deve necessariamente avere l'approvazione del popolo.

E' vero che un'Amministrazione viene eletto dal popolo,ma da una sola parte di esso e la cosa più ridicola è che quando un Sindaco viene eletto afferma pubblicamente :IO SONO IL SINDACO DI TUTTI! BUGIE BELLE E BUONE!

INFATTI SI DICE UNA COSA E SE NE FA UN'ALTRA.