Ruvo LUCE. Una proposta per la Città


Occhio al 24 febbraio



Abbiamo già fatto una proposta simile l'anno scorso. Senza successo.

Un altro anno è passato e la situazione è ancora più disastrosa - proprio come avevamo previsto. Perché purtroppo è una previsione facile per chi conosce un minimo le cose.

Sappiamo come andrà anche questa volta. Ma la facciamo lo stesso. Una proposta all'Amministrazione. Maggioranza e opposizione. Supponendo siano cose diverse...

Dimettetevi entro il 24. Il 23 sarebbe perfetto: 512 anni dopo la distruzione della Città ad opera degli spagnoli, contro i francesi, ma a spese dei ruvesi. Un classico. Così va la Storia, questa sconosciuta.

Ma tornando a noi. La nostra proposta è questa. Infatti abbiamo detto proposta: non una mera richiesta. Le dimissioni sono il primo passo.

Si andrebbe così ad elezioni a maggio, insieme alle regionali.

Proponiamo di formare una lista civica di salvezza cittadina. Che faccia fronte al Dissesto, non solo finanziario, e alla Ricostruzione civile, economica, politica e morale del tessuto cittadino. Pochi punti, ma fondamentali.

Nella Giunta l'uomo più rappresentativo dell'attuale maggioranza; il suo omologo della minoranza e il resto scelto tra i Cittadini più competenti. Magari con primarie.

Con un Sindaco, ovviamente, che abbia dato decisiva prova di autorevolezza, capacità, conoscenza dei problemi, pragmatismo, di indipendenza super partes e di attaccamento al bene comune.

È l'unica via per tentare di evitare il tracollo finanziario  o quanto meno gestirne le conseguenze con la dovuta efficienza.

L'unica via attraverso cui i vari responsabili del disastro e quelli che non hanno saputo evitarlo possano riscattarsi e dimostrare almeno la loro buona fede.

Non ultimo, l'unica via attraverso cui possano uscirne senza farsi politicamente male, e forse giuridicamente.

Accoglieranno la proposta? Ovviamente no. 

Ma ci sembrava nostro dovere farla. 

E poi, fino al 24, chissà. Ci sono tante notti a portar consiglio...;)

Il nome? Noi la chiameremmo LUCE. Lista Unitaria per una Città  Europea. Certo, dal medioevo clientelare all'Europa il passo è lungo. Dal disastro al rifiorire, lunghissimo.

Ma è proprio questo che lo rende interessante. No?


m. a.