Cosa Vedono Gli Occhi

La Discarica dei Politici


Ma perché non si può ingaggiare un Sindaco, a cui affidiamo la nostra Città e il nostro futuro e quello dei nostri figli - come si fa con i calciatori e simili, a cui affidiamo al massimo qualche ora di distrazione?


Ora capite perché quando qualcuno si entusiasma perché Ruvo è "salita" al 25% (perché siamo stati, sì, anche al 18!) ci sarebbe da cacciarlo senza possibilità di rientro?

Lo spreco di denaro pubblico e lo scempio dell'ambiente sono due indicatori incontrovertibili e un chiaro inappellabile giudizio sulla qualità delle amministrazioni attuale e passate.
 

Loro sì, degne di andare in discarica. E non da oggi.

Parliamo di Germania? Norvegia? Almeno Capannori? Macché.





Casole Bruzio, nel cuore della Calabria si differenzia il 90% dei rifiuti

Una volontà che parte dal sindaco quella di attivare la raccolta differenziata porta a porta.

Un bel mattino, i cittadini hanno visto le strade liberate dai cassonetti, senza preavviso.

A parte qualche malumore iniziale, i cittadini hanno seguito e partecipato di buon animo al progetto, consentendo un risultato ottimo in pochissimo tempo: quasi 88% di r.d.! 


 

Sulle strade restano solo le campane per il vetro. Il resto è tutto porta a porta.

Una mano la danno anche le attività commerciali che ospitano alcune raccolte (pile, toner, farmaci, ma anche vecchi cellulari, lampadine).

I RAEE più voluminosi, raccolti come ingombranti su chiamata e quelli più piccoli portati direttamente dai cittadini, vengono raccolti in una stanza dedicata della casa comunale.

Materiali meno pregiati, quali ingombranti e cartone da utenze commerciali, vengono conferiti all'isola ecologica. C'è anche la raccolta porta a porta degli olii, ogni quattro mesi.

Sindaco e cittadini ben hanno fatto ad attivare e a sostenere il servizio. Dal 1° maggio di quest'anno il costo del conferimento in discarica è quasi raddoppiato: 170 €/tonnellata.


E' allo studio l'applicazione della tariffa puntuale, ma per questo bisogna aspettare un po'.

Come spesso accade, la buona gestione dei rifiuti non è la sola politica attivata. Casole si è anche dotata di un PAES, approvato dalla Commissione Europea; obiettivo di riduzione delle emissioni al 2020: 24%.

Alcune delle azioni previste sono già state attuate: 150 punti luce di illuminazione pubblica con lampade al mercurio sono state sostituite con i led e dimmer; si è provveduto a fare interventi di efficientamento sugli impianti di riscaldamento e a installare qualche KW di FV; primi incontri pubblici per attivare GAS su FV, solare termico e acquisti di energia verde

Premio Comuni Ricicloni 2014 Legambiente, tra i premiati il comune di Casole Bruzio. www.ricicloni.it