Che Fare? Solo Tre Cose


Passano gli anni ma le cose da fare sono sempre le stesse. Un altro viaggio nel tempo firmato RL. Era il 5 ottobre 2012...



Ormai siamo abituati a tutto. Ma che il "capo" della "opposizione" (quale, delle almeno due?) scenda in piazza con la pretesa di arringare le folle come un minuscolo Lenin in ritardo di un secolo - beh, fa un po' specie.







Che il maggior responsabile del disastro cittadino, come abbiamo ben documentato - e del prossimo Default che vorrà dire lacrime e sangue per tutta la città, per anni;

che questo signore anziché nascondersi voglia ancora pontificare, sia pure a uso e consumo degli ultimi illusi e disperati che hanno voglia di starlo a sentire - beh, questo è davvero troppo.

Che faredottore?


Solo tre cose:

1. Dimostrare di essere cresciuto, e quindi assumersi le proprie (gigantesche) responsabilità.

2. Mettere il proprio patrimonio a disposizione temporanea e simbolica del Comune, come prova di buona fede e per aiutarlo ad evitare la catastrofe del Default, di cui si è massimamente responsabili, e che sarà un'esperienza dura per tutti, ma durissima e terribile per chi è già oggi provato da crisi e tagli

3. Fatto questo, ritirarsi in un civile slenzio e godersi la lauta pensione che, nonostante tutto, lo Stato Le elargirà (si dice) il prossimo anno.

Tutto il resto, non interessa a nessuno




Pubblicato VENERDÌ, 05 OTTOBRE 2012 18:39  671 visualizzazioni





Picture
Una Fondazione per la Cultura Libera.  
Sostieni il progetto con una Donazione.

TRASFORMIAMO IN RICCHEZZA 

LE OPPORTUNITÀ