ARTE URBANA CONTRO I VANDALI




Riceviamo






Comune di Ruvo di Puglia

COMUNICATO STAMPA



ARTE URBANA E PARTECIPAZIONE CONTRO I VANDALI: PRESENTATI OGGI ALLA CITTÀ I NUOVI MURALES DELLA BIBLIOTECA COMUNALE



Arte urbana e partecipazione contro il degrado e il vandalismo è questa la scommessa fatta dall'Assessorato alla cultura del comune e dall'Associazione "Noi X Voi", che giovedì 23 ottobre, alle ore 16.30, presso la biblioteca comunale Testini, in Via Le Croci 16, presenteranno alla città i murales realizzati sulle pareti dell'edificio.

Il progetto, molto articolato, ideato e fortemente voluto dall'assessore Pasquale De Palo, ha coinvolto, per circa quaranta giorni (venti operativi), sei giovani artisti ruvesi con la collaborazione attiva di decine di cittadini che hanno partecipato alla realizzazione dei murales con una pennellata e un selfie.

Il Comune ha provveduto all'acquisto dei materiali per la realizzazione dell'opera per una spesa di soli 300 euro.

"Con una spesa di pochi euro – ha detto l'Assessore - abbiamo reso unico un edificio pubblico, dato una possibilità di espressione e valorizzato alcuni giovani artisti ruvesi, realizzato una bella operazione di comunicazione e condivisione e, soprattutto, mandato un messaggio di legalità: davvero un ottimo bottino!

Se ci fossimo limitati a riverniciare di bianco quelle pareti non avremmo fatto altro che realizzare una nuova gigantesca pagina bianca, un invito a nozze per i writers, ma ahimè soprattutto per gli imbrattatori che già in passato hanno fatto danni da quelle parti. Noi su quella pagina abbiamo invece provato a mettere i nostri contenuti: la bellezza della cultura, l'importanza della lettura, il peso della legalità nella vita di tutti i giorni, l'indispensabilità del senso civico.

Ringrazio di cuore l'Associazione "Noi x voi", i nostri giovani artisti Stefano Cassano, Angela e Fidelia Catalano, Claudio Ferraro, Mariapia Marinelli e Carmine Pellegrini per il talento messo a disposizione della collettività, il coordinatore Cosimo Colaprice per l'impegno e i quasi cento ruvesi per le pennellate di solidarietà. Ora quelle pareti parlano e chiunque, con uno sguardo, le potrà ascoltare."

Luca Basso