Cosa Vedono Gli Occhi

Il rosso ancestrale

Primitivo Mezzanotte igt di Morella. Vino da vigneti ad alberello Biologici e Biodinamici.





Ci voleva una ragazza volata dall’altra parte del mondo per spiegarci che i vigneti ad alberello sono magnifici e preziosi, e che spiantarli è un crimine. 

Lei ne ha salvati dieci ettari, che vanno dai 40 ai 90 anni di età, a cui se ne aggiungono quattro di nuovi impianti. 

Lisa Gilbee è un'enologa australiana giunta in Italia per aggiungere esperienza a quella già accumulata, nell'ambito vinicolo. 

Arrivata in Puglia ha conosciuto Gaetano Morella da cui prende il nome l'azienda. 

Gaetano, figlio e nipote di contadini, e Lisa hanno avuto come obbiettivo quello di salvaguadare l'alberello, di produrre in biodinamica e di tornare all'artigianalità dei loro nonni dopo l'abbuffata chimica dei loro padri. 

Ricordiamo che la cultura dell'alberello viene combattuta a colpi di finanziamenti pubblici per l'espianto e il rinnovo con il sistema a spalliera. Il che è tutto dire... 

I figli della coppia frequentano la scuola steineriana (dove si studia la Biodinamica di Rudolf Steiner) di Manduria, l'unica al Sud.



Morale della favola, nell'agricoltura convenzionale l'inerbimento del terreno è un segnale di abbandono, in quella biodinamica invece indica un'ottimo stato di salute del terreno.                                                                                       

Ma veniamo al vino di oggi, il Primitivo Mezzanotte igt.                                                                                 
E' un vino prodotto sia da alberelli di oltre 40 anni sia dalle nuove vigne impiantate nel 2005. 

Queste nuove vigne sono state piantate utilizzando le marze di vigneti ad alberello vecchi di 80 e 90 anni da cui producono altri 2 tipi di primitivo e di cui parleremo in altri post. 

Come concime per le vigne non usano nessun tipo di fitofarmaco o pesticidi. Ma usano, dopo aver studiato e provato, macerazioni di ortiche (le foglie contengono clorofilla in abbondanza, il colorante verde del mondo vegetale ) e di equiseto (pianta risalente a 340 milioni di anni fa, ricca di calcio,magnesio e potassio.

Per la presenza di questi sali minerali, in una forma molecolare altamente disponibile per il nostro organismo, l’equiseto contribuisce al "metabolismo dell'osso” e favorisce la remineralizzazione del sistema osteo-articolare e dei tessuti duri come unghie e capelli).

Questo procedimento vale naturalmente per tutti i 6 tipi di vino che qui si producono.

Vendemmiata a mano, l'uva viene messa in piccole cassette e diraspata direttamente dentro piccoli contenitori aperti dove vengono effettuate ripetute follature manuali e non.In cantina non usano nessun tipo di additivo  Bassissime le dosi di solforosa.

Il colore del vino è un bellissimo  rosso rubino. I profumi sono abbastanza ampi. Si passa dal  floreale al  fruttato. Violetta, peonia, mirtilli, more e liquirizia. 

Note spiccate di pepe nero.

Al gusto è secco, persistente. Un gran bel vino dotato di un'ottima potenza. 

Adatto per accompagnare piatti di pasta al sugo, una bella grigliata di carne o se siete di turno una fiorentina alla brace.

Tipo di uva: Primitivo 100% .  Denominazione: igt. Gradi Alcolici: 14% (ma dipende dall'annata. A me è capitata quella con 15,5% gradi.  bbbrrrrrrr ). 

Affinamento:alcuni mesi in Tonneau in legno da 300 L.  più qualche altro mese in bottiglia. 

La temperatura ideale per berlo è di 18°C. Quando decidete di berlo aprite la bottiglia 1 ora prima e lasciatelo respirare.  

Visto che è un vino rosso a bottiglia chiusa conservatelo in un posto fresco e al buio.

Se una volta aperta la bottiglia rimane ancora vino, riponetelo dove l'avevate tenuto prima ( fresco e buio ) e non vi azzardate a conservarlo in frigo. 

Il bicchiere adatto è un calice ampio perfetto per vini rossi e di spessore.Vino da bere subito ma anche da poter conservare per qualche annetto. Costo bottiglia cl.75 euro 11,50



In conclusione questo è un vino prodotto con amore, passione, intelligenza e con quella capa tosta classica del nostro amato, ma trascurato, Sud.  Buon appetito e prosit.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           Luca La Fortezza 




  "La vita è troppo breve per bere del vino cattivo"  G. E. Lessing