Il Liceo Garantisce

Riceviamo e pubblichiamo

Il Liceo lavora per garantire la salvaguardia degli indirizzi in adozione. Così Mauro CegliePresidente del Consiglio di Istituto Liceo Tedone, in risposta all'intervento di qualche giorno fa su RL del Preside Pellegrini.



Per quanto doveroso sia il rispetto dovuto al Preside Prof. Biagio Pellegrini per ciò che egli ha fatto nei circa vent’anni di dirigenza per il Liceo Tedone, non posso astenermi dal muovere osservazioni ad alcuni passaggi del Suo intervento.

Infatti lo stesso, laddove avesse avuto lo scopo di suggerire possibili soluzioni al problema creatosi, sarebbe stato più gradito se indirizzato direttamente e senza clamore mediatico agli attuali organi dirigenziali e amministrativi dell’istituto: evidenziare pubblicamente la propria esperienza, pur se riconosciuta ed autorevole, non può e non deve oscurare il lavoro svolto con totale abnegazione dagli organi preposti.

Reputo necessario replicare al Preside Prof. Pellegrini anche per i seguenti motivi:
  • Non è calato alcun sipario sulla vicenda in parola, prova ne è il fatto che il giorno dopo l’assemblea tenuta con i genitori (16/06), si è riunito il Collegio dei Docenti (18/06) chiamato ad esprimere un parere da inviare al Consiglio di Istituto;
  • Il Consiglio è stato regolarmente convocato il giorno 19/06 u.s. fissando la data della riunione per il 30/06 u.s.;
  • Evidenzio che il Consiglio di Istituto (di norma) è convocato dal sottoscritto Presidente che di concerto con il Dirigente Scolastico fissa la data e ne condivide gli argomenti tenendo debito conto che la notifica della convocazione deve avvenire almeno 5 giorni prima della data fissata;
  • Nel caso specifico il sottoscritto, al fine di garantire una massiva partecipazione ai lavori del Consiglio stesso vista l’importanza degli argomenti da discutere, aveva l’obbligo di condividere una data che tenesse conto degli impegni che nel periodo dal 20 al 30 giugno inevitabilmente, come noto agli addetti ai lavori, condizionano DS e Docenti a causa degli esami di Maturità;
Posso affermare, infine, che tutti gli organi del Liceo in questo momento stanno operando gli opportuni sforzi ed approfondimenti tesi a “garantire la salvaguardia degli indirizzi in adozione”.

Nel pieno rispetto delle scelte educative e delle responsabilità amministrative il Consiglio di Istituto tornerà a riunirsi nei prossimi giorni (anche a ferragosto se fosse necessario) per deliberare sull’argomento non appena si concretizza la soluzione al problema.

In ultimo, come già chiarito nel mio precedente intervento, la ventilata ipotesi di contributo volontario ordinario da parte dei genitori, rappresentava solo una delle proposte avanzate dalla componente genitoriale del Consiglio di Istituto pur di evitare la sospensione di detti indirizzi di studio.
Per dovere di cronaca, correttezza e verità devo precisare che l’attuale Dirigente Scolastico Prof.ssa Domenica Loiudice, relativamente all’ipotesi prospettata del contributo volontario ordinario finalizzato alla realizzazione del Piano di Offerta Formativa, ha sin da subito espresso alcune perplessità di legittimità. 

Infatti in occasione dell’assemblea dei genitori tenutasi lo scorso 16 giugno, la stessa Preside ha sostenuto che tale proposta potrebbe avvilire il principio di gratuità su cui poggia l'istituzione scolastica e che al fine di scongiurare l'ipotesi che la scuola pubblica diventi a pagamento, occorrerebbe individuare soluzioni legittime partecipate e percorribili. 

E a queste possibili soluzioni che tutti gli organi, a vario titolo impegnati nel Liceo, si stanno adoperando.

Mauro Ceglie
Presidente del Consiglio di Istituto Liceo Tedone