Presidente, i suoi fatti sono fuorvianti


Il Consiglio comunale nella bufera. Non si placa la polemica 
tra Franco Catalano che risponde alla diffida di Vito Cantatore, che a sua volta replica a stretto giro



Al Presidente del Consiglio Comunale

Dott. Francesco Catalano

Oggetto: risposta al comunicato stampa del Presidente del Consiglio Comunale



Caro Presidente,

le mie “energie politiche indipendenti” certamente hanno visto in questi mesi fare delle proposte che sono sotto i riflettori della città, come ad es. la mia ultima proposta di delibera sui loculi cimiteriali, che spero venga approvata anche con il suo voto. 

I fatti che Lei racconta, caro Presidente, a me sembrano fuorvianti, visto che gli Ordini del Giorno dei Consigli Comunali sono da Lei direttamente firmati, vedi ad esempio ODG del CC del 21 Maggio 2014 e ODG del CC del 05 Giugno 2014, dove le suddette interrogazioni erano già state presentate per la discussione e risposta scritta in data utile per garantire a Lei ed agli Uffici competenti le dovute risposte. 

Il mio interlocutore per gli argomenti presentati all’ODG del Consiglio comunale, per quanto mi riguarda, è il Presidente del Consiglio Comunale. 

Il Consigliere Vito Cantatore, Indipendente, ha sollecitato le risposte alle sue interrogazioni già iscritte all'Ordine del Giorno del Consiglio comunale del 5 giugno. 
la risposta di Catalano
I Fatti: II Consiglio comunale ultimo scorso fu un consiglio corposo ed intenso con argomenti in discussione di grande interesse per la Comunità che si protrasse unanimamente fino a notte inoltrata. 
A questo punto si concordò di rispondere oralmente solo ad alcune interrogazioni (nella fattispecie quelle del Consigliere Felice Di Modugno) e di rispondere per iscritto a tutte le altre. 
Poiché le risposte dovute al Consigliere Cantatore erano state approntate dai rispettivi Assessori per una articolazione orale, nel fascicolo non vi è ovviamente traccia di risposta scritta. 
Poco più di una settimana non sembra un tempo particolarmente dilatorio né tantomeno da "DIFFIDA" o da intervento del Prefetto.  
Ad ogni buon conto ho già sollecitato il Sindaco e la Giunta ad attivarsi tempestivamente per le doverose risposte. 
Nelle more invito il Consigliere ad utilizzare le sue "Energie Politiche lndipendenti" per l'interesse della Comunità che sicuramente apprezzerà molto di più il suo operato dato che, secondo me, è con i fatti concreti che si acquista visibilità politica e non già con pretestuose "Diffide". 
Tanto si doveva.
Il Presidente del Consiglio Comunale

dr. Francesco Catalano

Le risposte scritte alle interrogazioni, per quanto ne sappia il sottoscritto, devono essere verificate se materialmente esistono, dal Presidente del Consiglio prima dell’inizio del Consiglio comunale, come da Regolamento vigente. 

Qualora le risposte non siano state approntate dagli Uffici competenti, Lei è in dovere di dichiarare che suddette interrogazioni non possono essere discusse per i motivi innanzi addotti. 

Caro Presidente, Le auguro una lunga carriera politica, atteso che, Lei spende così tante energie nel suo “privilegiato ruolo“ mentre il sottoscritto a tutt’oggi non ha ancora le risposte scritte alle interrogazioni presentate all’ODG in tempo utile.

Questi i fatti concreti... per la visibilità politica certamente non è Lei che devo ringraziare! 

La concretezza la giudicherà il popolo ruvese se e quando deciderò di continuare a fare politica!

Distinti saluti



Ruvo di Puglia, 18/06/2014

Cons. Com. indipendente 

 Sig. Vito Cantatore