Maschile a chi? Il Calcio delle Donne




Il Calcio femminile ruvese in una evoluzione/rivoluzione inarrestabile



MARIA CHIAPPERINI, UNA RUVESE NELLA SELEZIONE REGIONALE UNDER 15

Sabato 11 e domenica 12, sul campo S. Pio Enziteto, in occasione della "Women's Football Day", si è disputata la fase di qualificazione per il Torneo delle Regioni che si giocherà dal 23 al 30 Maggio a Chianciano. 


La selezione femminile Under 15 Pugliese, inserita nel Girone 4 Area Sud con le Rappresentative di Molise, Basilicata e Sicilia, si è qualificata seconda, conseguendo due vittorie con Molise e Basilicata e perdendo il match decisivo contro la rappresentativa Siciliana.

Tra le ragazze convocate da Mister Stefano Arnone, era presente la ruvese Maria Chiapperini, ragazza del 1999 tesserata per la A.S.D. Soccer Ruvo di Francesco Camerino. 


Maria potrebbe essere uno splendido esempio per le ragazze ruvesi ma soprattutto per i molti genitori che considerano il calcio un gioco prettamente maschile: una ragazza che da sempre ha voluto giocare a calcio, pur dovendo affrontare lo scetticismo dei ragazzi, e disputando ,per giunta, con loro, i campionati FIGC!

Ricordo ancora quando, con la categoria Pulcini, prima, e con la categoria Esordienti, dopo, presentandoci sui campi delle altre società, i ragazzi della squadre “avversarie” rimanevano davvero colpiti dal fatto che con i loro coetanei giocassero delle bambine, bambine che nella realtà dei fatti si dimostravano capaci di essere al loro stesso livello.

Quest’anno Maria ha disputato il campionato Regionale categoria Giovanissimi maschile, dimostrando d’essere una ragazza molto attenta e precisa nelle fasi di gioco, tanto da meritare la convocazione nella Rappresentativa Regionale Under 15.

Il calcio femminile è in evoluzione e fortunatamente sta prendendo piede in Italia, anche nella nostra Regione (basti ricordare i campionati di calcio a 5 e calcio a 11 che vedono sempre nuove società iscritte) con non poche difficoltà e con il grande scetticismo che a volte i genitori hanno verso questa disciplina in rosa. 

Ma il calcio è uno sport come tanti, uno sport in cui essere donna o uomo non fa differenza, dove l’unità di spogliatoio, la condivisione di emozioni, di gioie, di delusioni ne fanno da padrona, come in un qualsiasi altro sport di squadra.

La Federazione Italia Giuoco Calcio sta cercando in tutti i modi d’incentivare il movimento calcistico femminile in modo da renderlo una solida realtà nel panorama sportivo nazionale italiano.

La Women's Football Day ne è un bel esempio, una manifestazione in cui vengono coinvolte scolaresche, società femminili di varie categorie, nella quale i genitori possono tastare con mano la gioia che le proprie figlie vivono quando calciano quella sfera fin’ora vista sempre colorata di blu. 

Ora quel blu sta diventano anche rosa.

A Maria non importa se i suoi compagni di squadra sono ragazzi o ragazze. Di fatto ha già espresso la volontà di restare un altro anno con noi, nonostante abbia già richieste in società femminili di calcio a 11, come la Pink Bari che disputa il campionato di Serie A2, e calcio a 5.

Non ci resta che farle un grosso in bocca al lupo per la Fase Finale del Torneo delle Regioni per Rappresentative Under 15 e al tempo stesso auguriamo al calcio femminile ruvese di poter avere sempre nuove appassionate.

Giuseppe Campanale









Picture


Sostieni il progetto con una Donazione!