Memoria e Democrazia


Verso la Veglia Civile del 9 maggio

Le adesioni raccolte, pur significative, non ci hanno consentito di partecipare all'asta come avremmo voluto.

Lo scarsissimo tempo a disposizione ha impedito una più capillare diffusione del messaggio e una adeguata raccolta di fondi.

Abbiamo chiesto a Bolaffi, via mail, di cedere gratuitamente il materiale alla collettività, perché rimanga a disposizione di tutti.

In cambio abbiamo offerto di rompere il nostro più caro tabù: solo informazione, niente pubblicità.

Abbiamo pertanto offerto di ospitare anche massivamente la loro pubblicità sulle nostre pagine - ch alla lunga avrebbe forse dato un utile maggiore.

Non abbiamo ricevuto risposta, né ovviamente ci facevamo illusioni.

Sentivamo però di dover tentare tutto il possibile, senza risparmio - e l'abbiamo fatto.

Non è bastato.

La memoria di Moro, e soprattutto l'ancora irrisolto mistero che ancora oggi irconda la sua (e nostra) vicenda - hanno subito così l'ennesima onta, l'ennesimo atto di squalifica, di deprezzamento, di svendita e in ultima analisi di occultamento.

Ma la cosa non finisce qui.

Abbiamo preso l'impegno di riprendere il discorso su Moro con un'associazione trasversale, al di là di partiti e interessi contingenti.

 Perché la vicenda Moro è la vicenda della nostra stessa democrazia. E noi non voglimo rinunciare né alla democrazia né alla verità - perché l'una non si da senza l'altra.

Ne parleremo il 9 maggio alla Veglia Civile.

Non mancare. Iscriviti fin d'ora alla pagina Facebook per rimanere in costante aggiornamento.